Cerca Nutrizionista

Latte e latticini: come valutare intolleranza o malassorbimento?

0 Latte e latticini: come valutare intolleranza o malassorbimento?

E’ molto frequente la condizione di intolleranza e malassorbimento al lattosio.

COS’E’ il LATTOSIO?

Il lattosio o lattoso è un carboidrato (disaccaride) costituito da due differenti zuccheri: glucosio e galattosio (monosaccaridi). Le persone intolleranti o con malassorbimento al lattosio hanno difficoltà nella digestione del lattosio, cioè nella scissione di quest’ultimo nelle sue parti più “semplici” (monosaccaridi). Da ciò consegue una difficoltà di assorbimento oltre a fastidi fisici che vanno dal gonfiore al dolore addominale, meteorismo e portare fino alla diarrea.

PERCHE’ VALUTARLA?

La sua valutazione è necessaria per:

  • evitare un’alterazione dell’ambiente intestinale e delle capacità di assorbimento,
  • avere certezze sulla propria condizione di salute,
  • evitare l’instaurarsi di deficit nutrizionali,
  • evitare l’instaurarsi di improprie restrizioni alimentari ( scarso apporto di calcio),
  • chiarire le difficoltà digestive,
  • verificare eventuali remissioni in soggetti intolleranti (frequente durante o a seguito dell’età dell’adolescenza),
  • capire la risposta dell’organismo a seguito di terapie comportamentali o l’uso di integratori alimentari (lattasi, probiotici),
  • eseguire diagnosi differenziale con altre patologie del tratto gastroenterico (sindrome dell’intestino irritabile…),
  • capire meglio la causa di alcuni sintomi e segni (stipsi, diarrea, meteorismo, flatulenza, dolore addominale post-prandiale),
  • evitare sintomi fastidiosi (meteorismo, flatulenza, pesantezza, gonfiore e dolore addominale, diarrea).

COME?

Chi mostra difficoltà digestive e gonfiore/dolore addominale a seguito dell’assunzione di questi alimenti potrebbe giovare nel sottoporsi al “BREATH TEST al LATTOSO”. Questa è una valutazione scientificamente verificata per chiarire le proprie difficoltà digestive nei confronti del lattoso.

Il test è molto sicuro, semplice e non invasivo. L’analisi dell’espirato (aria che esce dai nostri polmoni) è il gold standard, cioè il miglior metodo usato sia negli adulti che in campo pediatrico. Nei giorni precedenti la valutazione bisogna attenersi ad alcune regole comportamentali e alimentari da seguire scrupolosamente. Viene svolto in ambulatorio usando uno specifico strumento e assumendo una soluzione di lattosio.

QUALI SINTOMI TI POSSONO SUGGERIRE UN BENEFICIO DALL’ESECUZIONE DEL TEST?

Ci sono un numero di sintomi digestivi che possono derivare dal malassorbimento degli zuccheri e dalla eccessiva produzione di gas nell’intestino:

  • flatulenza
  • meteorismo
  • gonfiore addominale
  • crampi addominale
  • nausea
  • diarrea

meno frequenti sono:

  • mal di testa
  • vertigini
  • stanchezza e irritabilità
  • passaggio rapido sensazioni caldo/freddo
  • formicolio

Una positività al test permette di intervenire con un’ opportuna terapia alimentare e l’uso di integratori alimentari. Ciò permette di evitare restrizioni alimentari e di mantenere un ottimo apporto di calcio, importante minerale necessario per la salute delle nostre ossa e la funzione del nostro sistema nervoso e muscolare.

 

Francesco Dr. Di Donato
Laurea in Dietistica e Laurea in Scienze Motorie
Studio Dietetico e Motorio integrato

Pubblicato in Articoli, Home Page da Francesco Di Donato | Tags: , , ,